L’ordinanza con la quale il G.E. dispone procedersi al giudizio di divisione dei beni indivisi deve contenere gli elementi essenziali della edictio actionis e quelli occorrenti per la trascrizione.

Giurisprudenza di Legittimità
ESPROPRIAZIONE DI BENI INDIVISI;
Cassazione civile, Sez. III, 20 agosto 2018, n. 20817 - pres. ed est. De Stefano

Il giudizio di divisione endoesecutiva può essere ritualmente instaurato con la sola notificazione dell’ordinanza del giudice dell’esecuzione che dispone procedersi alla divisione, a condizione che questa contenga tutti gli elementi – anche solo integrativi rispetto al pignoramento, che può essere richiamato per relationem – indispensabili per l’introduzione della domanda giudiziale, ossia: a) l’identificazione dell’oggetto, cioè del bene o dei beni immobili da dividere; b) i dati occorrenti per la trascrizione dell’ordinanza; c) l’indicazione dell’udienza di prima comparizione innanzi al giudice dell’esecuzione, funzionalmente competente quale giudice istruttore civile dell’ordinario giudizio di divisione; d) l’ordine di contestuale sospensione del processo esecutivo, come previsto dall’art. 601 c.p.c.; e) la fissazione del termine a comparire in sessanta giorni, secondo quanto previsto dall’art. 181 disp. att. c.p.c., norma speciale prevalente su quella generale di cui all’art. 163-bis c.p.c.

Nel giudizio che segue, i termini a ritroso per le attività difensive di cui all’art. 167, comma 2, c.p.c. vanno conteggiati dalla data indicata in ordinanza e, qualora si ravvisi l’incompletezza dell’atto introduttivo del giudizio, se ne può disporre l’integrazione ai sensi dell’art. 164 c.p.c.

All’iscrizione a ruolo della causa, costituente un adempimento meramente amministrativo, dovrà provvedere la parte più diligente in tempo utile per la celebrazione della prima udienza, anche in base alla sola ordinanza, ma senza che un’eventuale omissione possa condizionare  l’avvio del giudizio e salva ogni attività ufficiosa di recupero di quanto dovuto, anche a titolo di contributo unificato, nei confronti degli obbligati inadempienti.

Visualizza il provvedimento