Intervento sine titulo e fissazione dell’udienza ex art. 499 c.p.c.

Qualora il G.E., con l’ordinanza con cui è disposta la vendita o l’assegnazione, non fissi l’udienza di comparizione ex art. 499 co. 5 e 6 c.p.c. per la verifica dei crediti degli interventori sine titulo, è onere di questi ultimi, rimasti precedentemente inerti, proporre tempestiva istanza di fissazione o di rimessione in termini ovvero opposizione ex art. 617 c.p.c. avverso l’ordinanza di vendita, consumandosi, nel passaggio alla fase liquidatoria, il diritto del creditore all’udienza di verifica e, al contempo, il potere del giudice di fissarla (nella fattispecie, il giudice, in linea col principio affermato da Cass. civ. 18/05/2022, n. 15996, ha ritenuto tardiva l’istanza formulata in seguito all’aggiudicazione del bene pignorato dal creditore chirografario intervenuto senza titolo).

Top