Prescrizioni operative impartite dal Tribunale di Milano per la celebrazione degli esperimenti di vendita e per gli accessi all'immobile

Il Tribunale di Milano, con provvedimento organizzativo del 14.7.2020, nel prendere atto della persistenza di criticità ostative alla celebrazione delle vendite coattive in forma telematica (atteso che il sistema PVP non permette la verifica della validità temporale della firma digitale e la verifica del codice fiscale del presentatore), ha dettato alcune (ulteriori) prescrizioni operative in relazione alla celebrazione degli esperimenti di vendita “ai tempi del COVID”.

In specie, si è raccomandato l’espletamento delle gare nel rispetto di ottimali condizioni sanitarie, anche tramite eventuale locazione di spazi adeguati, nonché attraverso la prescrizione, agli offerenti: 1) di partecipare alla gara senza accompagnatori; 2) di utilizzare le mascherine a copertura di naso e bocca; 3) di portare con sé il gel igienizzante per le mani; 4) di mantenere la distanza personale di almeno un metro.

Resta ferma la possibilità del professionista delegato, in caso di dubbio sul rispetto di tale cautele, di rivolgersi al G.E. onde richiedere specifiche istruzioni.

Rilevante è poi la precisazione che le spese sostenute per la locazione di spazi adeguati alla celebrazione “in sicurezza” degli esperimenti di vendita saranno rimborsate, ove il relativo importo non superi i 250 euro per ogni procedura (per gli importi superiori è necessaria una apposita autorizzazione del G.E.).

Il provvedimento in rassegna dètta anche particolari modalità quanto all’esercizio del diritto di visita dell’immobile da parte degli interessati.

Al fine di contenere spostamenti ed ingressi, i custodi potranno predisporre un breve filmato dell’immobile con il cellulare (o altro dispositivo idoneo) da mettere a disposizione degli interessati, nel rispetto del diritto alla riservatezza del debitore e dei suoi familiari.

Per l’espletamento dei c.d. accessi all’immobile, si raccomanda, tanto da parte del custode, quanto da parte dei debitori e dei suoi familiari (o altri occupanti dell’immobile) l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale (come sopra indicati), oltre che la predisposizione di ogni idonea cautela (distanziamento sociale, adeguata areazione dei locali dell’immobile, ecc.).

Si raccomanda, infine, la sollecita progressione delle procedure giunte ad una fase successiva alla vendita, tramite la predisposizione delle bozze di decreto di trasferimento, dei progetti di distribuzione nonché il compimento delle formalità conclusive della procedura.

Scarica il documento: istruzioni ai pd - vendite immobiliari 15 luglio 2020.pdf