Novità legislativa: l’estratto di ruolo non è autonomamente impugnabile

In sede di conversione del decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 (convertito, con modificazioni in legge 17 dicembre 2021, n. 215, pubblicata sulla G.U. del 20 dicembre 2021), è stato inserito l’art. 3-bis, rubricato “Non impugnabilità dell’estratto di ruolo e limiti all’impugnabilità del ruolo”, che prevede che all’art. 12 del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, dopo il comma 4 sia aggiunto il seguente comma 4-bis:

L’estratto di ruolo non è impugnabile. Il ruolo e la cartella di pagamento che si assume invalidamente notificata sono suscettibili di diretta impugnazione nei soli casi in cui il debitore che agisce in giudizio dimostri che dall’iscrizione a ruolo possa derivargli un pregiudizio per la partecipazione a una procedura di appalto, per effetto di quanto previsto nell’articolo 80, comma 4, del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, oppure per la riscossione di somme allo stesso dovute dai soggetti pubblici di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a), del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 18 gennaio 2008, n. 40, per effetto delle verifiche di cui all’articolo 48-bis del presente decreto o infine per la perdita di un beneficio nei rapporti con una pubblica amministrazione”.

La nuova previsione, dunque, ammette l’autonoma impugnabilità dell’estratto di ruolo solamente in ipotesi circostanziate, ancorché il concetto di “perdita di un beneficio nei rapporti con una pubblica amministrazione” sia astrattamente idoneo ad accogliere molteplici eventualità. Peraltro, poiché la regola generale è quella della non impugnabilità, le eccezioni previste dalla stessa legge saranno suscettibili di applicazione estensiva, ma non analogica. Restano, dunque, escluse le ipotesi in cui il contribuente abbia un concreto interesse all’impugnazione del ruolo, ma diverso da quello che viene in evidenza nei casi espressamente previsti dalla legge.

La nuova previsione normativa si pone, dunque, in parziale discontinuità con il “diritto vivente”. La Corte di cassazione, infatti, ha finora affermato il principio secondo cui l’estratto di ruolo è atto interno all’Amministrazione da impugnare unitamente all’atto impositivo, notificato di regola con la cartella di pagamento, perché solo da quel momento sorge l’interesse ad instaurare la lite ex art. 100 c.p.c., salvo il caso in cui il ruolo e la cartella non siano stati notificati: ipotesi in cui, non potendo essere compresso o ritardato l’esercizio del diritto alla tutela giurisdizionale, è invece ammissibile, nel rispetto del termine generale previsto dall’art. 21 del d.lgs. n. 546 del 1992, l’autonoma impugnativa dell’estratto, non ostandovi il disposto dell’art. 19, comma 3, del d.lgs. n. 546 cit. che, secondo una lettura costituzionalmente orientata, impone di ritenere che l’impugnabilità dell’atto precedente non notificato unitamente all’atto successivo notificato non costituisce l’unica possibilità di far valere la mancanza di una valida notifica dell’atto precedente del quale il contribuente sia comunque venuto a conoscenza. (Cass. 9 settembre 2019, n. 22507).

La giurisprudenza sarà, quindi, nuovamente chiamata a confrontarsi con il testo di legge, per verificare se esso consenta un’interpretazione costituzionalmente orientata che legittimi l’autonoma impugnazione dell’estratto di ruolo qualora il contribuente deduca la mancata o invalida notifica della cartella, in funzione recuperatoria della tutela prevista dall'art. 24 del d.lgs. n. 46 del 1999, ovvero intenda far valere eventi estintivi del credito maturati successivamente alla notifica della cartella (Cass. 12 novembre 2019, n. 29294).