L'Agenzia delle Entrate - Riscossione non ha l'onere di dimostrare in giudizio la sussistenza dei presupposti per avvalersi della difesa, a seconda dei casi, dell'Avvocatura dello Stato o degli avvocati del libero foro

Giurisprudenza di Legittimità
RISCOSSIONE COATTIVA; RISCOSSIONE COATTIVA - AGENTE DELLA RISCOSSIONE;
Cassazione civile, sezioni unite, 19 novembre 2019, n. 30008 - pres. Mammone, est. De Stefano

In tema di difesa dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione, quando la scelta tra il patrocinio dell’Avvocatura erariale e quello di un avvocato del libero foro discende dalla riconduzione della fattispecie alle ipotesi previste dalla Convenzione tra l’Agenzia e l’Avvocatura o di indisponibilità di questa ad assumere il patrocinio, la costituzione dell’Agenzia a mezzo dell’una o dell’altro postula necessariamente ed implicitamente la sussistenza del relativo presupposto di legge, senza bisogno di allegazione e di prova al riguardo, nemmeno nel giudizio di legittimità.

Scarica il provvedimento