La caducazione del titolo esecutivo non solleva il giudice dell’opposizione all’esecuzione dall’onere di regolare le spese del giudizio secondo il criterio della soccombenza virtuale


Giurisprudenza di Legittimità
TITOLO ESECUTIVO - GIUDIZIALE - CADUCAZIONE DEL TITOLO; OPPOSIZIONE; OPPOSIZIONE ALL'ESECUZIONE - GIUDIZIO DI MERITO;
Cassazione civile, sezioni unite, 21 settembre 2021, n. 25478 - pres. Spirito, est. Cirillo

In caso di esecuzione forzata intrapresa sulla base di un titolo giudiziale non definitivo, la sopravvenuta caducazione del titolo per effetto di una pronuncia del giudice della cognizione (nella specie: ordinanza di convalida di sfratto successivamente annullata in grado di appello) determina che il giudizio di opposizione all’esecuzione si debba concludere non con l’accoglimento dell’opposizione, bensì con una pronuncia di cessazione della materia del contendere, per cui il giudice di tale opposizione è tenuto a regolare le spese seguendo il criterio della soccombenza virtuale, da valutare in relazione ai soli motivi originari dell’opposizione.

Scarica il provvedimento