Il sequestro penale ex art. 321 c.p.p. trascritto in data successiva al pignoramento non determina la improseguibilità dell'esecuzione

Giurisprudenza di Merito
ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE;
Tribunale, Matera, 27 marzo 2019 - Pres. ed est. Disabato

 Laddove il bene pignorato sia attinto da un sequestro ex art. 321 c.p.p. il conflitto tra il sequestrante e il creditore procedente (o l’aggiudicatario) va risolto sulla scorta della regola dell’ordo temporalis delle formalità pregiudizievoli, onde prevale chi ha trascritto (o iscritto) per primo.

D’altronde, il potenziale acquirente – tramite la trascrizione del sequestro - è messo in condizioni di conoscere il vincolo che grava sul bene, con le seguenti implicazioni: il suo acquisto prevale data l’anteriorità del pignoramento; l’eventuale confisca realizza i suoi effetti sul ricavato della vendita.

Scarica il provvedimento