In caso di improseguibilità dell’esecuzione, la cauzione incamerata a fronte della decadenza dell’aggiudicatario va restituita al debitore

Giurisprudenza di Merito
ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE - PIGNORAMENTO - EFFETTI;
Tribunale, Verona, 17 luglio 2020 - est. Burti

In caso di declaratoria di improseguibilità dell’esecuzione, la cauzione trattenuta a fronte della intervenuta decadenza dell’aggiudicatario va restituita al debitore esecutato.

Difatti, la disposizione che prevede l’incameramento della cauzione a titolo di multa, in caso di decadenza dell’aggiudicatario, ha una chiara funzione sanzionatoria; funzione che sarebbe frustrata ove le somme in questione fossero, in caso di improseguibilità dell’esecuzione, restituite all’aggiudicatario stesso.

D’altro canto, ai sensi dell’art. 632, comma 2, c.p.c., in caso di estinzione del processo avvenuta dopo l’aggiudicazione (o l’assegnazione), le somme ricavate dalla vendita coattiva (o l’assegnazione) del bene pignorato devono essere restituite al debitore.

Scarica il provvedimento