Validità ed effetti della c.d. “clausola di salvaguardia” nella quantificazione degli interessi convenzionali

Giurisprudenza di Legittimità
MUTUO - interessi; CONTRATTI BANCARI;
Cassazione civile, 17 ottobre 2019, n. 26286 - pres. Vivaldi, est. D'Arrigo

In tema di rapporti bancari, l’inserimento di una clausola “di salvaguardia”, in forza della quale l’eventuale fluttuazione del saggio di interessi convenzionale dovrà essere comunque mantenuta entro i limiti del c.d. “tasso soglia” antiusura previsto dall’art. 2, comma 4, della legge n. 108 del 1996, trasforma il divieto legale di pattuire interessi usurari nell’oggetto di una specifica obbligazione contrattuale a carico della banca, consistente nell’impegno di non applicare mai, per tutta la durata del rapporto, interessi in misura superiore a quella massima consentita dalla
legge. Conseguentemente, in caso di contestazione, spetterà alla banca, secondo le regole della responsabilità ex contractu, l’onere della prova di aver regolarmente adempiuto all’impegno assunto.

Scarica il provvedimento